Verba volant, scripta manent


La cucina di una società è il linguaggio nel quale essa traduce inconsciamente la sua struttura. Claude Levi Strauss

Se davvero dovesse esistere un Dio, quello è un chimico! prof. Pellerito

Vescovo Wilberforce, con ironia: “È da parte di suo nonno o di sua nonna, Sir, che lei è imparentato con le scimmie?”
Huxley: “Se dovessi scegliere per mio antenato fra una scimmia e un uomo che, per quanto istruito, usi la sua ragione per ingannare un pubblico incolto, […] non esiterei un istante a preferire una scimmia.” (citato in Augusto Camera e Renato Fabietti, Corso di storia)

Il fisico Leo Szilard un giorno rivelò all’amico Hans Bethe l’intenzione di tenere un diario. “Non intendo affatto pubblicarlo. Voglio solo tenere un registro dei fatti per poter informare Dio”. “Non credi che Dio lo sappia già, come sono andati i fatti?”, gli chiese Bethe. “Certo che lo sa” disse Szilard. “Però non conosce ancora la mia versione”. Hans Christian von Baeyer, Taming the Atom

“O frati”, dissi “che per cento milia/perigli siete giunti a l’occidente,/a questa tanto picciola vigilia/d’i nostri sensi ch’è del rimanente/non vogliate negar l’esperïenza,/di retro al sol, del mondo sanza gente./ Considerate la vostra semenza:/fatti non foste a viver come bruti,ma per seguir virtute e canoscenza”. Dante Alighieri- XXVI canto dell’Inferno

Credo nel Dio di Spinoza, che si rivela nell’armonia di tutte le cose, non in un Dio che s’interessa del destino e delle azioni degli uomini. Albert Einstein

La scienza naturale non descrive semplicemente e interpreta la natura, è una parte dell’interfaccia fra la natura e noi stessi. Werner Heisenberg

Il processo di una scoperta scientifica è, in effetti, un continuo conflitto di meraviglie. Albert Einstein

L’ipotesi più importante di tutta la biologia, per esempio, è che ogni cosa che l’animale fa, l’atomo lo fa. In altre parole non c’è niente che le creature viventi facciano senza che lo si possa ricondurre al fatto che sono composte di atomi in accordo con le leggi della fisica. Richard Fenyman

Certi istinti non devono essere considerati come espressamente creati, ma come derivati di minore importanza, di una legge generale che impone il progresso di tutti gli organismi viventi, ossia lo moltiplica, li modifica e fa in modo che i più forti vivano e i più deboli periscano. Charles Darwin- L’origine delle specie

La selezione naturale è l’orologiaio cieco, cieco perché non vede dinanzi a sé, non pianifica conseguenze, non ha in vista alcun fine. Eppure, i risultati viventi della selezione naturale ci danno un’impressione molto efficace dell’esistenza di un disegno intenzionale di un maestro orologiaio; che alla base della complessità della natura vivente ci sia un disegno intenzionale, è però solo un’illusione. Richard Dawkins- L’orologiaio cieco

Qualsiasi innovazione tecnologica può essere pericolosa: il fuoco lo è stato fin dal principio, e il linguaggio ancor di più; si può dire che entrambi siano ancora pericolosi al giorno d’oggi, ma nessun uomo potrebbe dirsi tale senza il fuoco e senza la parola. Isaac Asimov

La natura e le leggi della natura giacevano nascoste nella notte; Dio disse: «Che Newton sia!», e luce fu! Alexander Pope

La maggior parte dei libri saranno dimenticati. Impressione duratura la fanno solo quelli in cui l’autore ha messo tutto se stesso. In tutte le grandi opere si ritrova l’autore tutto intero. Arthur Schopenhauer

I libri non resuscitano i morti, e non fanno di un idiota un uomo capace di ragionare, né di uno stupido un individuo intelligente: aguzzano lo spirito, lo destano, lo affinano e appagano la sua sete di conoscenza. Denis Guedj

L’antintellettualismo è stato un costante tarlo che si è insinuato nella nostra vita politica e culturale, nutrito dall’idea sbagliata che democrazia significhi che la nostra ignoranza valga quanto l’altrui conoscenza. Isaac Asimov

La conoscenza è potere. Bacon

Ho seguito la mia teoria, secondo la quale i ragazzi intelligenti si interessano a cose molto più complesse che non i loro genitori. Robert A. Heinlein

Autentici discendenti di Prometeo, gli scrittori di scienza dovrebbero prendere il fuoco dall’Olimpo scientifico dai laboratori e dalle università, e portarlo giù, al popolo.William Laurence

La fantasia e un lavoro quantitativo in laboratorio spesso procurano fama e riconoscimento, mentre i naturalisti che fanno ricerche sul campo, pur col loro sapere dettagliato e specifico sono ingiustamente messi da parte, come raccoglitori di francobolli. […] Non esiste un surrogato di una conoscenza particolareggiata della storia naturale e della tassonomia. Stephen J. Gould

La scienza può dare spunto a una miriade di narrazioni affascinanti a un tempo epiche e drammatiche: Archimede che perisce insieme con la sua Siracusa; Galileo costretto all’abiura di fronte al Sant’Uffizio; il giovane Newton che spiega matematicamente “l’elegante compagine del Sole, dei pianeti e delle comete” mentre infuria la peste e il Grande Incendio devasta Londra; Lavoisier che si consacra alla nuova chimica, ma perde la testa sotto il terrore; Darwin che, imbarcato sul Beagle, deve combattere col mal di mare prima di affrontare in terra ferma chi giudica “empia” la sua teoria dell’evoluzione; Enrico Fermi, il “navigatore della fisica”, che sbarca a New York, pronto ad arruolare la “teoria atomica” al servizio del mondo libero. La scienza riesce ad insinuarsi nelle pieghe della Storia con la maiuscola […]. (G. Giorello, CdS 28-08-2004)

La caratteristica principale delle rivoluzioni scientifiche è che modificano la conoscenza della natura che è intrinseca nel linguaggio stesso, e che perciò è preliminare a qualunque cosa si voglia definire come descrizione o generalizzazione, di tipo scientifico o comune. Perchè il vuoto o un moto rettilineo infinito entrassero a far parte della scienza erano necessari resoconti osservativi che potevano essere formulati soltanto modificando il linguaggio con il quale la natura era descritta. Finchè quei mutamenti non fossero accaduti, il linguaggio stesso si opponeva all’invenzione e all’introduzione delle nuove teorie che venivano ricercate. La violazione o distorsione di un linguaggio scientifico che in precedenza non era problematico diviene così la pietra di paragone del mutamento rivoluzionario. Thomas Kuhn- Le rivoluzioni scientifiche

Annunci

4 thoughts on “Verba volant, scripta manent

  1. Ho letto, arrivandoci non so come, la sua recensione sul mio libro Il gene del Diavolo, sono felice che le sia piaciuto ma soprattutto che i messaggi del libro siano stati perfettamente recepiti. Molto lusinghiero. Grazie. B M Assael

    • Sono io ad essere lusingato! Leggere il suo libro è stato un piacere, e non mi nascondo nel dire che mi ha permesso di vedere il mondo con occhi diversi. Grazie a lei per averci omaggiato di tale opera, e di aver dedicato del tempo a leggere la recensione e a lasciare un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...