Breve storia del museo delle scienze naturali- Pt. III: Il museo delle scienze oggi


[Il museo delle scienze naturali è come]… Uno zoo fermo. Un piccolo visitatore del Museo di Storia Naturale di Milano (citato in Pinna 2006)

I science centresono luoghi nati per creare un humus favorevole allo sviluppo e alla diffusione della cultura scientifica. Drioli (2006)

Autentici discendenti di Prometeo, gli scrittori di scienza dovrebbero prendere il fuoco dall’Olimpo scientifico dai laboratori e dalle università, e portarlo giù, al popolo. William Laurence

Il concetto e la pratica di museo sono radicati nella storia dell’uomo, come dimostrano i recenti studi di paleoantropologia culturale, che indicano come sia nell’antropologia del sacro che dobbiamo oggi ricercare le motivazioni che hanno condotto alla formazione e alla conservazione di artefatti con la finalità di una comunicazione culturale (Vercelloni, in Lugli et al., 2005, pg. 165).

Il museo moderno è una produzione dell’umanesimo rinascimentale, dell’illuminismo del diciottesimo secolo e della democrazia del diciannovesimo secolo. J. Crook (citato in Alexander, Museums in motion, 2007, pg.5)

muse

Veduda esterna del Muse di Trento

(Puoi trovare la prima parte qui, e la seconda qui)

L’etimologia di ‘museo’ ha origini elleniche. Se ne ha notizia per la prima volta da Strabone nel III sec. d.C. “In età classica la parola ‘museo’ poteva designare sia un luogo consacrato al culto delle muse, sia un luogo destinato all’insegnamento delle lettere e della filosofia, sia, infine, un edificio dove si conservano reperti preziosi. […] Fu però il museo di Alessandria fondato nel 280 a.C., il prototipo del museo quale lo intendono i moderni, dal Rinascimento in poi: un edificio monumentale di istituzione laica” (Beretta, citato in Merzagora e Rodari, 2007, pg. 14).

Sebbene la definizione di museo abbia senza dubbio radici nel mondo greco, il fulcro del museo della scienza è rappresentato dalle collezioni di uomini più o meno affermati nel panorama civile e culturale, caratterizzanti un vasto periodo: dalla nascita delle prime civiltà fino al tardo Medioevo.

E’ per quasi tutto il Medioevo che si perde lo spirito aulico del collezionismo per dare spazio allo stupore, alla meraviglia, al ‘mostro’: le Wunderkammern nascono e si sviluppano a macchia d’olio in tutte le parti d’Europa per il solo fine di imporre il dominio dei potenti sulla gente comune e per un senso di rivalsa verso questa o quell’altra casata vicina.

Tra il XVI e il XVII sec. l’uomo colto decide di mettere a disposizione della comunità tutto il suo sapere, e comincia a prendere coscienza del museo e dei suoi potenziali ruoli. La chiave di volta sta nel collezionismo: “collezioni di cose rare e preziose si trovano infatti sotto forma di ‘tesori’, in tutte le culture, anche le più antiche, le più lontane, le più semplici” (Merzagora e Rodari, 2007, pg. 15).

Bisognerà aspettare Linneo per avere una visione chiara di come gerarchizzare il mondo naturale, soprattutto in un periodo in cui le colonie ancora una volta mandano in aria gli schemi della Grande catena dell’essere: i vari dodo, o i vari ornitorinchi, sono di difficile connotazione, e spesso a loro si accostano immagini mistiche, frutto della scoperta del nuovo e dell’indefinito. Inoltre, problemi epistemologici nascono di fronte alla paleontologia e ai Primati.

È l’Ottocento a dare una spiegazione più o meno completa del dinamismo naturale: anche in questo caso, però, con l’arrivo di Darwin, si mandano in aria secoli di dibattito e di studio. Ma questo è il secolo che vede la nascita dei più grandi complessi museali, sia europei che americani.

LA CRISI DEL NOVECENTO E I MUSEI SCIENTIFICI MODERNI- Se l’Ottocento è il secolo d’oro dei musei, l’inizio del Novecento è caratterizzato invece da una pungente critica da parte delle nuove Avanguardie verso l’arte e i musei. Inoltre, con i fermenti politici ed economici del secolo molte collezioni vengono perse a causa dei tafferugli e delle guerre, mentre nei regimi totalitari il museo diventa strumento di controllo di massa delle dittature. Riflesso di questo malessere generale sono le università, che perdono il loro valore di ricerca e di conseguenza di raccolta per lo studio. (Soltanto verso la fine degli anni settanta si ha la fioritura dei complessi accademici).

Con la fine della II Guerra mondiale, l’Europa è in ginocchio e l’attenzione delle nazioni non è più rivolta verso i musei, ma alla ricostruzione dei suoi paesi e all’introduzione dei sistemi democratici, soprattutto in Germania e in Italia. Con le scarse possibilità economiche e con sempre meno visitatori, i musei della prima metà del novecento cominciano a perdere il loro fascino. Tuttavia, la voglia di ripartire sfocia nell’ICOM (1946), l’International Council of Museums, l’organizzazione non governativa affiancata all’Unesco col compito di garantire e tutelare lo sviluppo della cultura, e quindi dei musei[1].

Contemporaneamente in America nascono molti dei principali complessi museali d’arte, quali per esempio il MoMa e il Guggenheim, mentre per la prima volta il giovane Museo di Grenoble si candida ad essere il primo museo di arte ‘vivente’ e contemporanea.

IL SCIENCE CENTRE- Con la fine della II Guerra Mondiale e con l’avvento delle nuove tecnologie nasce anche un’altra tipologia di museo scientifico: il science centre. Esso si fonda sul cosiddetto approccio hands-on, ‘alla mano’, che si instaura tra l’oggetto osservato e il pubblico osservatore. Con una piccola grande differenza: non esistono solo collezioni; non esiste solo il singolo reperto materiale. Esistono anche idee, rappresentazioni, immagini informatizzate, bottoni. In una sola parola: interattività.

Il science centre è “un museo senza collezioni, che rappresenta in sostanza concetti e non oggetti, idee e non forme. Come dice il nome, queste istituzioni si rivolgono essenzialmente alle scienze e alle tecniche, chimica, fisica, biologia, geologia, ingegneria, industria, medicina, viste non come la storia dei loro progressi, ma come l’attualità delle loro scoperte” (Cipriani, 2006, pg. 18). “I temi vanno dalla scienza moderna all’attualità scientifica: accanto alla fisica classica sono quindi esplorati campi come vita e intelligenza artificiale, cyborg, biotecnologie, genetica, nuove tecnologie, sostenibilità ambientale, ambiente, ecologia …” (Drioli, 2006, pg. 8).

Una ‘Città del Sole’ baconiana, in tutto e per tutto, in cui “[…] da cose incolori e trasparenti, possiamo rappresentare di fronte a voi tutti i diversi colori” (Bacon, cit. in Merzagora e Rodari, 2007, pg.23). Del resto, lo stesso Bacone, e poi Leibniz, anticiparono i tempi. Nella loro visione divulgativa della scienza vi era qualcosa al di fuori sia della meraviglia rinascimentale, sia del rigore positivista: “[daremo dimostrazione di] tutte le illusioni e degli inganni della vista, in forma, grandezza, movimento e colore […]” (Bacon, cit. in Merzagora e Rodari, 2007, pg.23); le rappresentazioni potrebbero essere “delle lanterne […]; dei voli delle macchine come a teatro, meteore contraffatte; ogni sorta di meraviglie ottiche; una rappresentazione del cielo e degli astri, come un globo celeste […]. L’utilità, sia pubblica che privata, dell’impresa sarebbe maggiore di quanto si possa immaginare […]” (Leibniz, cit. in Merzagora Rodari, 2007, pg.24).

E’ importante sottolineare l’impatto che idee del genere avrebbero potuto avere sui visitatori contemporanei di Bacone e di Leibniz, e che in analogia riverberano oggi in uno science centre:

Dal punto di vista del pubblico, aprirebbe gli occhi alla gente, esorterebbe alle invenzioni, diffonderebbe delle belle idee, renderebbe note infinite novità utili e ingegnose […]. Tutte le persone di mondo vorrebbero aver visto quelle curiosità per poterne parlare, persino le dame di rango vorrebbero esservi accompagnate, e più volte. […] Infine tutti ne sarebbero messi sul chi vive e come risvegliati, così come l’impresa potrebbe dare risultati belli e importanti quanto si possa immaginare e che forse, un giorno, saranno ammirati dai posteri (Leibniz, cit. in Merzagora e Rodari, 2007, pg.24).

Quel giorno ha una data ben precisa: 1969.

L’EXPLORATORIUM DI SAN FRANCISCO- Alla fine degli anni ’60 del Novecento, nasce dunque una nuova idea di museo: l’Exploratorium di San Francisco. Mentore dello stereotipo “science centre” e dell’innovativo modo di fare cultura scientifica è Frank Oppenheimer.

Frank Oppenheimer

Frank Oppenheimer

Oppenheimer (foto a lato) fa di necessità virtù. Fisico eccellente di formazione fiorentina, partecipa al progetto Manhattan durante la Seconda Guerra Mondiale, ma le sue ideologie comuniste lo costringono al confino in Colorado durante la Guerra Fredda e ad abbandonare la sua promettente carriera accademica. Tralasciato per causa di forza maggiore l’ambiente universitario, si dedica al lavoro manuale e all’educazione scolastica: due qualità apprese grazie all’impiego in un allevamento di bestiame e all’insegnamento nel liceo locale di Pagosa Spring.

Nel 1969, Oppenheimer è completamente reintegrato nel mondo accademico, é un fisico di fama mondiale, e ha sulle spalle anni di studio museologico con annesse visite ai più grandi musei di Londra e Parigi. Inoltre conserva “la passione per l’insegnamento, l’educazione e la manualità, l’idea fissa di costruire un ‘esploratorio’ condivisa con la moglie, e due occasioni da sfruttare […]” (Merzagora e Rodari, 2007, pg. 53): lo stato americano che decide di incentivare la cultura scientifica ancora scossa dalla bomba atomica e impaurita dall’allora contemporanea rivalità con l’unione sovietica; il restauro del San Francisco Palace of Fine Arts, privo di un’occupazione.

Il 1969 è proprio l’anno dell’Exploratorium: “la leggenda vuole (e i testimoni confermano) che l’inaugurazione […] sia avvenuta senza nastri, champagne e ministri, senza neppure un comunicato stampa” (Merzagora e Rodari, 2007, pg.53). “[…] All’ingresso solo un cartello, ‘qui sta nascendo l’Exploratorium, un museo della comunità dedicato alla consapevolezza” (Hein, cit. in Merzagora e Rodari, 2007, pg.53). Logica essenziale di Oppenheimer è dare in mano al pubblico le sorti del museo.

Exploratorium at Pier 15 - Main Entrance

Attuale ingresso dell’Exploratorium

Così come anticipato da Bacon e Leibniz, “Luce, colore, movimento, forma, richiamano il visitatore dapprima per il loro fascino e la loro bellezza, poi per il loro significato e contenuto scientifico” (Drioli, 2006, pg.4). Infatti tutti gli exhibit basano la loro valenza sulla percezione sensoriale: Oppenheimer stesso sostiene che “l’Exploratorium introduce il pubblico alla scienza esaminando come vede, ascolta, sente al tatto. Le percezioni sono alla base del nostro modo di scoprire e interpretare il mondo, sia direttamente con i nostri occhi, sia attraverso la costruzione di utili strumenti come i microscopi, gli acceleratori, l’arte, la poesia o la letteratura […]. Non vogliamo che le persone lascino l’Exploratorium pensando più o meno consapevolmente: ‘Ma come sono intelligenti gli altri’. I nostri exhibit sono semplici e onesti, perché nessuno pensi di dover stare in guardia dall’essere preso in giro o depistato” (cit. in Merzagora e Rodari, 2007, pg. 55). Inoltre è fermamente convinto del fatto che l’estetica degli exhibit, e quindi la loro arte, deve essere il mediatore tra la scienza e i visitatori.

L’essere ‘museo’ per l’Exploratorium ha un significato prettamente ellenico: da subito infatti esso si trasforma in agorà dell’era moderna, stimolando il pubblico e le sue qualità, sia intellettuali che manuali. Per esempio, in una intervista il suo fondatore racconta

[…]Di una signora che gli aveva scritto per ringraziarlo, perché dopo aver visitato l’Exploratorium era tornata a casa ed era stata capace di cambiare la presa dell’abat-jour rotta da tempo. La grande soddisfazione di Oppenheimer derivò dal fatto che nessun exhibit all’Exploratorium insegnava come sostituire una presa rotta. Ma la visita al museo aveva dato a quella signora fiducia nella propria capacità di interagire col mondo della tecnologia (Merzagora e Rodari, 2007, pg. 55, 56)

Fin dalla seconda metà del Novecento, l’effetto ‘Exploratorium’ si amplifica e vede la nascita dei più grandi musei interattivi mondiali. Bisogna sottolineare che ora come ora, quasi tutti musei si sono adattati all’interattività: grazie a internet e alle nuove tecnologie, accanto ad una collezione è possibile trovare un touch screen, o in alcuni casi, si può visitare direttamente il museo da casa stando comodamente seduti.

Tra i più grandi musei interattivi internazionali europei si ricordano la Cité des Sciences et de l’Industrie di Parigi, il Science Museum di Londra, o i recentissimi CosmoCaixa di Barcellona (2004) il Phaeno Science Centre a Wolfsburg (2005) o il Museo de las Ciencias Principe Felipe di Valencia.

IL PANORAMA ITALIANO: CITTÀ DELLA SCIENZA E IL MUSE DI TRENTO-Nel panorama italiano negli ultimi anni sono nati diversi science centre, molti di piccole dimensioni, pochi di livello mondiale, e tutti con l’enorme peso sulle spalle dei tagli istituzionali. Tra questi, Città della Scienza e il neonato Muse di Trento sono esempi di orgoglio nazionale e di divulgazione scientifica, di cui si parlerà brevemente di seguito. Entrambi sono stati oggetto di discussione nell’anno appena trascorso (2013): Città della Scienza per il tragico rogo che ha subito; il Muse di Trento per la sua inaugurazione.

citta-della-scienza-san-valentino-2013-evento-napoli

Città della Scienza prima dell’incendio

Città della Scienza nasce a Napoli, a Bagnoli (ex area industriale), su idea di un gruppo di fisici affermati. Il filo conduttore è un evento temporaneo intitolato Futuro Remoto, iniziato nel 1987 e attivo ancora oggi, che riscuote enorme successo in rapporto al territorio. Futuro Remoto “[…] ha rappresentato l’evento espositivo e spettacolare dove testare la comunicazione con il pubblico e le collaborazioni con altri enti” (Rodari, 2002, pg.3). Attività divulgative vengono quindi svolte ogni anno, con argomenti diversi e con metodi diversi, ma sempre con lo stesso tema: la scienza. Nel 1996, il complesso didattico-divulgativo mette piede a Bagnoli, cominciando una vera e propria azione sociale e coinvolgendo in primo luogo scuole, imprese, cittadini e istituzioni museali europee.

Lo stabilimento viene inaugurato nel novembre del 2001 e da subito si propone come nuovo modello di sviluppo nazionale e locale. Col tempo, quello che prima era un semplice centro divulgativo, diventa un vero e proprio science centre, in cui tutte le attività sono riconosciute a livello internazionale. Il motore di Città della Scienza sono i bambini: creato appositamente, lo spazio intitolato l’Officina dei piccoli è un ambiente “disegnato in modo da essere esso stesso una sorta di exhibit da scoprire (la cassa sull’albero, passaggi sopraelevati e quindi passaggi coperti), un luogo pensato con i bambini per sollecitarne la voglia di mettere in moto la fantasia” (Rodari, 2002, pg.3).

incendio-città-della-scienza

Particolare di un exibit dopo l’incendio

Purtroppo per tutti, gran parte dello stabile di Città della Scienza- i capannoni in cui si svolgeva divulgazione- è andato perso in un rogo a marzo, a causa di un incendio dalle dinamiche ancora da capire. Napoli e Città della Scienza, nonostante il nefasto evento, si sono rimboccati le maniche fin da subito: tante le iniziative di raccolta fondi, e stacanovisti i suoi dipendenti, che continuano a lavorare nonostante le tante difficoltà incontrate nell’ultimo anno.

Il fascino del museo di Renzo Piano invade notte a Trento

Particolare del Muse

È invece recentissima l’apertura di un museo interattivo che si candida ad essere uno dei più importanti nel campo della divulgazione scientifica e della museologia del panorama mondiale: il Muse di Trento. Inaugurato a luglio del 2013, nasce come miglioria del già affermato Museo Tridentino di Scienze Naturali. L’input è arrivato agli inizi degli anni novanta, quando, l’allora neo direttore Michele Lanziger si rende conto delle potenzialità del museo e del suo approcciarsi verso il pubblico. Con una mostra sui dinosauri (1992), il museo fa letteralmente “sold out”: in due mesi accoglie più di 60.000 visitatori, in una città che ne conta circa 100.000. Il direttore confessa che “quel successo ha cambiato la percezione del museo, ed è li che ha inizio il percorso verso la dimensione scientifico-tecnologica sulla base delle suggestioni che avevo avuto visitando realtà come il Science Museum di Londra o La Villette a Parigi” (cit. in Spataro, 2013, pg.95).

Come per Città della Scienza, anche il Muse nasce in una ex area industriale e si avvale della tecnologia ecosostenibile e di sonde geotermiche per soddisfare i fabbisogni energetici. Progettato da Renzo Piano su ispirazione dei monti triestini, il Muse si compone di una museografia completamente moderna, basata sulla cosiddetta idea della zero gravity in cui tutto l’allestimento, dai tavoli ai monitor, passando per gli oggetti, sono sospesi grazie a sottili fili d’acciaio.

muse_trient_6Sia la struttura interna, che il progetto esterno (vedi foto inizio capitolo) richiamano l’ambiente in cui il Muse sorge: mentre il prospetto esterno emula le Alpi triestine, l’interno è sviluppato in funzione degli ecosistemi locali. “Si parte in cima, con i ghiacciai, per arrivare all’ultimo livello con il fondovalle, passando per la biodiversità e la millenaria presenza urbana. Il piano interrato racconta la scoperta della nascita della vita e ospita la più grande mostra di dinosauri dell’arco alpino” (Spataro, in Spataro, 2013, pg. 96).

Da sempre il museo conduce ricerche multidisciplinari locali e non, di rilevanza nazionale e internazionale. Presta particolare attenzione al tema della biodiversità e dell’ecologia degli ecosistemi montani. E, soprattutto, ha enorme valenza locale in quando riesce a fornire indicazioni utili alla gestione ambientale, anche in funzione del turismo.

IL RUOLO SOCIALE INTERATTIVO- Lo scopo principale di uno science centre è invitare il visitatore a condurre esperimenti in prima persona, il quale diventa protagonista attivo del e nel museo. In questo modo si produce sia istruzione sia divertimento. Il cambiamento rispetto al museo “standard” sta nelle modalità: mentre nella visione classica in un museo si può leggere accanto ad una collezione ‘non toccare’, la novità del science centre sta nel ‘push the bottom’, ossia si avvale dell’attiva partecipazione del pubblico (Drioli, 2006). La mediazione museografia tra pubblico e museo avviene tramite una “museography with objects that are real but able to express themselves in a triply interactive way: manually interactive (‘hands on’), mentally interactive (‘mind on’) and culturally interactive (‘heart on’)” (Wagensberg cit. in Drioli, 2006, pg.3).

I science centre assumono dunque un ruolo di interazione sociale tra il museo e il pubblico e costituiscono una vera e propria interfaccia tra il reale e il non reale. Per esempio, nella Città della Scienza di Napoli succedeva questo:

Significativo è il caso di Bit, un’installazione interattiva realizzata da Studio Azzurro in cui un personaggio sintetico dialoga in tempo reale con il pubblico. L’installazione consiste in una o più postazioni su cui compare il personaggio e una regia remota dalla quale un animatore, indossando un cyberglove, controlla i movimenti del personaggio sintetico, proprio come fosse una marionetta. La possibilità offerta dalla maschera “elettronica” è quella di far “recitare” anche gli spettatori: è una maschera doppia che trasforma anche il pubblico da passivo a attivo creando delle vere e proprie agorà in cui il pubblico non solo dialoga con Bit ma attiva processi di comunicazione interni al gruppo. La potenzialità di questa installazione è quella di poter dar vita a dialoghi e riflessioni su temi sempre diversi di attualità scientifica (Drioli, 2006, pg.6).

In uno science centre, arte, scienza e tecnologia si incontrano: “i temi al centro della sperimentazione artistica si intersecano con quelli della ricerca scientifica e delle applicazioni tecnologiche” (Drioli, 2006, pg.2), i quali sfociano nelle arti grafiche, gli exhibit. Mentre col paradosso dello stuzzicadenti si è visto come un museo, anche se ben fatto, per essere definito tale deve avere un’utilità sociale, i musei scientifici moderni escono dagli schemi rigidi del binomio museo-collezione e si concentrano principalmente sul loro ruolo sociale. Come sostiene Jorge Wagensberg, direttore del CosmoCaixa di Barcellona, la filosofia di uno science centre può essere sintetizzata in questo modo:

They are objects that tell stories, that talk to each other and to the visitor. They are objects with associated events, living objects, objects that change. It is one thing to exhibit a sedimentary rock on its own and another to associate an experiment that shows the process in real time of how the rock was formed (cit. in Drioli, 2006, pg.3).

 

[1]Bisogna sottolineare che l’ICOM è figlia diretta di un’altra istituzione di stampo americano, l’American Association of Museums (1906), nata con gli stessi obiettivi.

 

Riferimenti bibliografici

Alexander e. P., Alexander m., museums in motion- an introduction to the history and functions of museums, ii ed., altamira pr, 2007

Capanna e., l‟uomo e la scimmia, prefazione in le collezioni primatologiche italiane, istituto italiano di antropologia, 2006, pg. 3-12

Curzio Cipriani, Appunti di museologia naturalistica, 2006

Giovanni Pinna, Animali impagliati e altre memorie, 2006

Giovanni Pinna, Fondamenti teorici per un museo di storia naturale, 1997

Bill Bryson, Breve storia di (quasi) tutto, 2003

Merzagora e Rodari, La scienza in mostra- Musei, science center e comunicazione, 2007

Pietro Greco, Il museo scientifico nella società della scienza, prefazione in Merzagora e Rodari, La scienza in mostra- Musei, science center e comunicazione, 2007

Lugli, Pinna, Vercelloni, tre idee di museo, jaca book 2005

Merzagora, Rodari, la scienza in mostra- musei, science center e comunicazione, mondadori, 2007

Basso Peressut, a cura di, stanze della meraviglia- i musei della natura tra storia e progetto, clueb, 1997

Pinna, Fondamenti teorici per un museo di storia naturale, jaca book, 1997

Pinna, Animali impagliati e altre memorie, jaca book, 2006

Alessandra Drioli, file Forme estetiche contemporanee e museologia scientifica, in Jcom, Journal of Science Communication,http://jcom.sissa.it/, marzo 2006

Alessandra Drioli, fileNascita di uno science center. Fenomenologie italiane, in Jcom, Journal of Science Communication,http://jcom.sissa.it/,giugno 2006

Matteo Bisanti, file Il museo tra locale e globale, in Jcom, Journal of Science Communication, http://jcom.sissa.it/, maggio 2012

Marco Crespi, fileMusei e musei: l’immagine dei musei della scienza, inJcom, Journal of Science Communication, http://jcom.sissa.it/, giugno 2003

Pietro Greco, fileQuando la scienza fa notizia…, inJekyll.comm, http://jekyll.sissa.it/, settembre 2002

Latella, file Il ruolo dei Musei di Storia Naturale nello Studio, monitoraggio, conservazione e divulgazione della biodiversità. Alcuni esempi italiani.

Valentina Murelli, file La città che riparte, in Linx, aprile 2013, http://magazine.linxedizioni.it/2013/05/07/la-citta-che-riparte/

Giovanni Spataro, Il museo totale, in Le Scienze n. 539, luglio 2013

Matteo Merzagora, file La Città della scienza di Napoli e i suoi cittadini, in Jcom, Journal of Science Communication, http://jcom.sissa.it/, settembre 2002

Paola Rodari, file Un museo vivo: la Città della Scienza di Napoli, inJcom, Journal of Science Communication, http://jcom.sissa.it/, settembre 2002

Autori vari, file Muse, bilancio sociale 2012, 2013

Le foto sono state prese dalla rete

 

 

Advertisements

2 thoughts on “Breve storia del museo delle scienze naturali- Pt. III: Il museo delle scienze oggi

  1. Pingback: Breve storia del museo delle scienze naturali- Pt. I: Dai primordi al Medioevo | Diario di un giovane naturalista

  2. Pingback: Breve storia del museo delle scienze naturali- Pt II: il secolo dei Lumi e l’Ottocento | Diario di un giovane naturalista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...